venerdì 10 febbraio 2012

Giocati: F-Zero GX (2003)

La furiosa goduria della velocità lisergica.

Sviluppatore: Amusement Vision
Nazione: Giappone
Versione: GameCube



IN BREVE:
  1. "Ecco che arriva, eccolo, sta arrivando... SUCA BASTARDO!!! AH AH AH!"
  2. "Ma mi spieghi chi è il grandissimo figlio di puttana che ha progettato questi tracciati? Un misantropo?"
  3. Amico, che cazzo è quella, bava? Hai le convulsioni? Passa il pad, ADESSO!"

INTRODUZIONE:
Per anni, da giovincello, le varie console wars hanno alimentato il mio fanatismo con discussioni più o meno banali:

Bimbetto A: "Nintendo cià la differenza, mica cazzi!"
Bimbetto B: "Sega fa pure i giochi della salagiochi, quelli fregni, mica quelli con l'omino con la panza e King Kong mongoloide (sic...)"
Bimbetto A: "Ma tu ce l'hai Zelda, Mario e Metroid? Ce li hai?"
Bimbetto B: "Ma quelli sono i giochi per i ricchioni, io sgommo con la bionda, volo per i cieli e "accido" (trad. ammazzo) gli alieni, quelli stronzi, ma veramente!"
Bimbetto A: "Senti, tua mamma è puttana e va con gli uomini di merda. Tutti insieme contemporaneamente, fa le ammucchiate!"
Bimbetto B: "Cosa!?! Vieni qua che ti rompo il culo!!! Tu sei ricchione, come tuo padre!"

Ad ogni discussione del genere seguiva sempre una scazzottata o, nei casi più pacati, una valanga d'urli ed insulti immondi verso parenti e conoscenti più o meno prossimi...

APPROFONDIAMO:
Erano giorni bellissimi quelli, dove ogni scoperta sembrava unica, personale, da difendere a morsi e pugni.
Ma gli anni passano e Sony incula tutti arrivando sul mercato con PlayStation.
Nintendo risponde, qualche anno dopo, lanciando il (fondamentale e nebbiosissimo) Nintendo 64, console che ospiterà alcuni tra i migliori giochi di sempre (devo proprio scriverli?).
Tra questi spunta anche un certo F-Zero X, vagito 3D della storica saga Nintendiana (o Nintendosa?).
Il gioco risulta ottimo, appagante al punto giusto, ma con un grandissimo difetto: il frame rate, abbastanza stabile, ma non particolarmente efficace nel donare il giusto senso di velocità.
Intanto Sega, lo stesso anno (1998), lancia il Dreamcast, console dal destino alquanto oscuro e sfortunato.
Nel 2001 Sega fa "ciao ciao" con la manina ed il Dreamcast sparisce nell'oblio, tanto amato dai fortunati possessori quando ignorato dalla massa pagante, ormai in balia di una Sony monopolista.
L'eterna lotta cessa e Sega inizia a produrre giochi per tutti, grandi e piccini.
E con tutti intendo pure Nintendo.
Il GameCube sarà il palcoscenico di questa inimmaginabile collaborazione: una delle IP principali di Nintendo (F-Zero) depositata nelle amorevoli ed abilissime mani di Amusement Vision, team interno di Sega molto acclamato ed apprezzato.
Quello che ne scaturisce è, per il sottoscritto, il miglior racing (?) game arcade di tutti i tempi.
F-Zero GX esplode sullo schermo in un'orgia di grafica ed effetti mostruosi (il bump mapping... il bump mapping... CAZZO), design dei tracciati sublime, difficoltà impegnativa ma estremamente appagante e una velocità da cardiopalma.
Proprio la fluidità folle del titolo (giocare con la visuale in prima persona è un'atto di fede totale), unita alla classica meccanica "turbo o scudi" propria di F-Zero, spinge il gioco verso vette di prelibatezza inaudite.
Affrontare un rettilineo pigiando il tasto del turbo come un maniaco sessuale, consapevole che al minimo urto  di noi non resteranno altro che lamiere fumanti, trasmette potenti scosse d'adrenalina.
Lo scopo ultimo del giocatore è andare sempre più veloce, evitando collisioni ed attacchi da parte degli avversari, svuotando tutta l'energia rimanente per boostare a più non posso, diretto verso le zone di ricarica e senza mancare nessuna piazzola di spinta aggiuntiva, disseminate sapientemente all'interno dei circuiti.
Il tutto potrebbe tradursi in uno slalom infernale a base di pacchianissima SciFi, musica squisitamente tamarra e concentrazione ai limiti dell'autismo, seguita Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...da sorrisi che "manco da neonato, cioè"!
Il resto conta poco, nonostante il gioco sia bello cicciotto in quanto a contenuti e modalità proposte.
F-Zero GX è pura e spasmodica ricerca di velocità, ad ogni costo.
Acido videoludico.


GRAN FINALE:

  • L'adrenalina scorrerà potente nel corpo!
  • Comparto tecnico superbo.
  • Musiche Electro Rock così tamarre da risultare imperdibili.
  • Un cavallo difficilissimo da domare... Ma che goduria, che libidine!















Post precedente nella sezione Giocati: Uncharted 2: Il Covo dei Ladri (2009)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...