giovedì 20 settembre 2012

Ascoltati: Meniscus - War of Currents (2011)

Il fluire costante del tempo.



Etichetta: Autoprodotto
Nazione: Australia
Versione: Digitale


Il suono dei Meniscus è puro fluido musicale, una creatura densa ma leggiadra, sinuosa nelle forme ma dai contorni rarefatti, impalpabili. C'è serenità nel muro sonoro del trio australiano, una lotta serrata tra serene atmosfere post rock e l'improvviso gonfiarsi delle chitarre elettriche, incisive e mai troppo rabbiose. Atmosfere soffici e rarefatte si mescolano a pattern ritmici vari e carichi di groove, ampliandosi in melodie corali minimali, evocative, vivide, delicate. L'elettronica presente è usata con moderazione, con inserti sporadici e perfettamente mirati, asserviti alla predominante componente rock, cuore pulsante dell'album. War of Currents si abbandona al proprio mood con spigliata sicurezza, in un fluire ininterrotto che rapisce e suggestiona, nonostante la relativa brevità dell'opera riporti indietro l'ascoltatore vagabondo proprio al sopraggiungere del piacere sensoriale. 
Breve ma intenso.




Meniscus "130"



Post precedente nella sezione Ascoltati: Vanessa Van Basten - La stanza di Swedenborg (2006)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...