sabato 8 settembre 2012

Ascoltati: Katatonia - Dead End Kings (2012)

Intimo viaggio crepuscolare.



Etichetta: Peaceville Records
Nazione: Svezia
Versione: CD

Difficile parlare di Dead End Kings, ultima creatura degli scandinavi Katatonia. Dopo l'ottimo The Great Cold Distance (album del 2006 di cui ho parlato in questo post) e del più che discreto Night Is the New Day (2009) il terzetto svedese rimescola di nuovo le carte in tavola, concentrandosi sullo snellimento degli arrangiamenti, scevri della strutturata architettura musicale che ne aveva composto le fondamenta in passato, ma lasciando inalterata la vena struggente e malinconica dei brani, sempre in bilico tra chiaroscuri umorali e controllate ripartenze d'impatto. Ed è proprio durante i momenti più energici che la differenza con il sound precedente della band viene a galla prepotentemente. Adesso tutto è finalizzato alla precisa caratterizzazione di ogni singolo tassello che compone Dead End Kings, una scelta mirata e consapevole di compattezza e "semplificazione" che pone in primo piano il mood, l'atmosfera a scapito delle inaspettate e fantasiose aperture quasi progressive che tanta personalità avevano donato ai precedenti album. Ma se i Katatonia asciugano le proprie composizioni quel che resta è un meraviglioso concentrato di melodie che vanno dritto al cuore, gocce di pioggia in una giornata di sole, frammenti d'intimità carichi del sentore della fine, del gelo di una vita che contempla la caduta, il fallimento esistenziale. Jonas Renkse regala una prestazione da brivido, cantore distaccato ma estremamente ammaliante ed enigmatico, protagonista delle divagazioni al limite del pop di una delicatissima Leech e della sospesa Ambitions, brano-manifesto del nuovo percorso artistico dei Katatonia

Dead End Kings richiede molta meno "fatica" per essere apprezzato, ma svela se stesso solo con il tempo, arricchendosi d'umori e sfumature inaspettate, esprimendosi attraverso la semplicità delle emozioni, quelle più private e fragili, quelle che ci rendono spaventosamente umani.














Katatonia "Dead Letters"
Video prewiev




Post precedente nella sezione Ascoltati: AtomA - Skylight (2012)


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...